Biografia

Giacomo Scotti

Poeta, romanziere, narratore, favolista, pubblicista, critico letterario, traduttore dalle lingue slave e giornalista, Giacomo Scotti è
nato nel 1928 a Saviano (Napoli) dove recentemente è stato al centro di un convegno organizzato dall’Università “L’Orientale” di
Napoli per due anniversari: l’85.esimo compleanno e i 65 anni della sua attività letteraria condensata in circa 170 opere, fra le quali
numerose pubblicate a Trieste, città nella quale si trasferì da ragazzo per raggiungere nel 1947 la ex Jugoslavia, vivendo in Istria e a
Fiume fino al 1982.

Quell’anno ristabilì la residenza in Italia, dapprima nel suo paese natale e poi a Trieste da dove fa il pendolare fra l’Italia e la Croazia, tessendo intensi rapporti culturali.

Fra le sue opere, oltre alla grande produzione poetica e saggistica, primeggiano i Racconti di una vita apparsi nel 2001 per i tipi
della LINT, Trieste, e il recentissimo volume Racconti fra due mondi curato dall’Edit di Fiume nel 2013, raccogliendo il meglio della narrativa di Scotti degli ultimi cinquant’anni. Fra i pur numerosi volumi di favole per ragazzi emergono Favole e leggende dell’Istria, Favole e leggende del Mar Adriatico (Santi Quaranta, Treviso), La Grotta del Vento (con prefazione di Erri De Luca) apparsa a Napoli e Dalla terra al cielo, quest’ultima edita da Asterios, Trieste, nel 2006.

Tra le più recenti e apprezzate opere di Scotti va annoverato il romanzo autobiografico Per caso e per passione edito nel 2012 dalla Lint triestina, la medesima casa editrice dei celebri volumi di Scotti Goli Otok, ritorno all’Isola Calva (ampliato in quattro edizioni) e il Lager in mezzo al mare che hanno svelato una delle tragedie meno note del dopoguerra: quella che – insieme a decine di migliaia di comunisti antistalinisti jugoslavi
– coinvolse alcune centinaia di italiani dell’Istria, Quarnero, friulani e triestini tra il 1948 e il 1956.

Per la sua produzione letteraria, per i meriti acquisiti nella divulgazione della letteratura italiana nell’ex Jugoslavia e in altri campi
della cultura, a Scotti sono stati conferiti numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero. I più recenti sono i Premi internazionali
“Scritture di frontiera Umberto Saba” (Trieste, 2004), il “Calabria” nel 2005 e 2013 e il “Fulvio Tomizza” del Lyon Club Trieste-
Europa nel 2006. A Scotti sono state pure conferite la cittadinanza onoraria del Comune di Monfalcone (Sigillo d’oro, 2005) e
l’onorificenza di Commendatore dell’Ordine della Stella della Solidarietà della Repubblica Italiana (2006).