CON “ROCCO L’ALLOCCO E ALFONSINO IL TOPINO AMICI PER LA PELLE” LEGGERE DIVENTA UN DIVERTIMENTO

CON “ROCCO L’ALLOCCO E ALFONSINO IL TOPINO AMICI PER LA PELLE” LEGGERE DIVENTA UN DIVERTIMENTO

Avere un amico vuol dire anche questo: stare insieme a guardare il cielo.

Leggerezza
Nell’odierna letteratura per l’infanzia sembra essersi introdotta l’impellente necessità di presentare a tutti i costi argomenti complessi, difficili già per gli adulti, trasmettendo specifiche direttive morali di per sé ostiche.

Se trattare di tematiche importanti con uno stile favolistico, come fa Fuad Aziz, è sicuramente un modo utile per far acquisire maggiore consapevolezza ai bambini già dalla tenera età, è però anche vero che non bisogna eccedere e privare i piccoli della leggerezza di cui hanno diritto e bisogno.

Rocco l’allocco e Alfonsino il topino amici per la pelle è un racconto indirizzato ai bambini di circa quattro anni e si ammanta di una bellezza semplice: viene infatti celebrata la normale quotidianità, così tediosa per noi adulti e invece avventurosa, piena di nuove sorprese per i più piccini.

Cuccioli felici
Rocco e Alfonsino condividono da buoni amici (e che coppia davvero strana di amici!) semplici momenti della vita di tutti i giorni: una partita a palla – con una ghianda! – la merenda preparata con amore dalle loro mamme, la silenziosa contemplazione di un cielo stellato.
Tutti quegli episodi, insomma, che riempiono le giornate dei cuccioli felici!

Adorabili poi sono le illustrazioni di Mömo (Anna Fogarolo): si è scelto, anche sotto questo punto di vista, di abbracciare la semplicità e di offrire ai bambini qualcosa di tenero e familiare. I colori sono tenui, sfumati, e il tratto ricorda quello essenziale e tondeggiante dei bambini. L’illustratrice ha dato inoltre particolare rilievo all’espressività dei protagonisti, che suscitano immediata simpatia: dolce e totalmente curvilinea quella di Rocco, birichina e furbetta quella di Alfonsino.

Scarabocchiamo!
In fondo quella di Rocco e Alfonsino è una storia come ce ne sono tante, e proprio in ciò sta la sua forza: raccontare qualcosa in cui il bambino può riconoscersi, parlare di personaggi che può sentire vicini, vedere disegni dal tratto immediato che potrebbe voler replicare. A tal proposito, Robo (Roberto Russo) & Mömo hanno pensato di stampare il libro non su un’ostile carta lucida, bensì su carta ruvida e rigorosamente ecologica: Rocco l’allocco e Alfonsino il topino amici per la pelle non vuole essere un libro da conservare con cura, ma si offre alla creatività dei piccini, lasciandoli liberi di scarabocchiare, di intervenire direttamente sulla storia.

“Rocco l’allocco e Alfonsino il topino amici per la pelle” libro per bambini di robo e mömo
Rocco abbraccia Alfonsino e insieme si godono la notte stellata.

Chissà, qualche bambino comincerà un brillante futuro da scrittore, costumista o illustratore disegnando dei baffi a Rocco e conferendo delle ali al topino? Il libro è totalmente aperto all’inventiva, alla voglia di fare che hanno i piccoli. Ma forse anche a quella dei loro genitori?

Buona lettura, e buoni scarabocchi!

3 Agosto 2020

RIFLESSIONI SU “APOLOGIA DELLA LETTURA”, L’ULTIMA DELIZIOSA FATICA DI DIEGO ZANDEL

3 Agosto 2020