L’ARTE CROATA NEL SUO SPLENDORE

L’ARTE CROATA NEL SUO SPLENDORE

SVJETLANA LIPANOVIC HA REALIZZATO UN LIBRO CHE CI INTRODUCE ALL’ARTE CROATA, EDITO DA LUOGHINTERIORI E IN VENDITA ANCHE SU WWW.FENICEBOOKSTORE.IT

di Diego Zandel

Dobbiamo a Svjetlana Lipanović, con un pedigree di grafica pubblicitaria, costumista e stilista, grande esperta d’arte croata, il bellissimo volume “Lo splendore dell’arte croata”, edito da LuoghInteriori, i cui libri, oltre che nelle librerie sono in vendita anche sul sito www.fenicebookstore.it.

Si tratta di un volume che alle immagini delle opere d’arte, in massima parte di pittura e scultura, accompagna una presentazione dei maggiori artisti croati, da Jagoda Buić, con i suoi straordinari arazzi a Tomo Gusić con la sua sinfonia di colori, non meno di quella di Ivo Dulcić, da Jozo Kljaković, con la sua vita romanzesca a cavallo tra otto e novecento alla nostra contemporanea Ivana Jovanović Trostmann fino a Stjepko Mamić e Davor Vuković, le cui opere marine abbiamo potuto ammirare nel settembre del 2019 nella prestigiosa galleria romana della Biblioteca Angelica.

In tutto sono una trentina di artisti, a cui fanno da corredo ulteriore le cronache di alcune importanti esposizioni, delle quali Svjetlana Lipanović ci offre un’accurata presentazione. Da sottolineare alcuni preziosi excursus nella pittura fantastica croata, una più ampia visione dell’arte del ventesimo secolo di questo Paese e la bella esposizione dei tesori del Museum of Modern Art Dubrovnik, uno dei più prestigiosi musei croati, situato nella ragusea,splendida Villa Banac. Una chicca, inoltre, la presentazione zagabrese delle artiste Marija Koruga e Ivana Tkalčić.

A illustrare la copertina è l’olio su tela di Tomo Gusić intitolata “Il terrazzo”.

Il libro è un’autentica galleria di dipinti e sculture moderne e contemporanee, fatta eccezione per le preziose opere presenti nella Chiesa di San Girolamo dei Croati, luogo di preghiera dei croati a Roma, sulle rive del Tevere a due passi dall’Ara Pacis e dal Mausoleo dell’Imperatore Augusto. Coloro che avranno occasione di visitare la chiesa, terminata nel 1589 per opera dell’architetto Martino Longhi, detto Il Vecchio, vedranno qui illustrate le opere di Martino Longhi stesso e Giovanni Guerra, di Andrea Lilio, Paris Nogari, Avanzino Nucci, Antonio Viviani. Più recenti, del 1939, i bassorilievi di Ivan Mestrović e le tele del pittore Jozo Kljaković. Altri artisti del novecento Ivo Dulcić, scomparso nel 1975. Lo spazio che la Lipanović dedica alle opere d’arte della chiesa sarà per molti visitatori il primo passo verso sorprendenti scoperte.

Una menzione a parte meritano le introduzioni al libro, quella della dottoressa Mara Ferloni, e quella dell’ex ambasciatore Damir Grubiša che tanta parte ha avuto negli anni recenti del suo mandato a Roma per promuovere l’arte croata, la sua letteratura, e più in generale la cultura di questo Paese vicino e amico al quale ci unisce il mare Adriatico e non poche pagine di storia dai tempi dei romani, della Repubblica di Venezia e gli anni più dolorosi per tutti della guerra, compresa quella fredda, finita la quale il sole è tornato a splendere su entrambe le rive, per la gioia di tutti. E “Lo splendore dell’arte croata” di Svjetlana Lipanović, tra l’altro presidente dell’Associazione Italo-croata, rappresenta sicuramente un viatico per introdurci alla conoscenza dei nostri vicini e fratelli. Un’opera che, unità all’attività poliedrica dell’autrice, merita il titolo – pienamente e meritatamente – come espresso dallo stesso Grubiša nella sua presentazione di “ambasciatrice dellearti visive croate in Italia”. Ad essa e all’editore Antonio Vella di Luoghinteriori, che ha saputo dare, con la stampa di questo patinato libro tutto di immagini a colori, va il nostro ringraziamento.

Diego Zandel

QUANDO L’AMOR DI PATRIA E’ PERNICIOSO

4 Gennaio 2021